Corriere Innovazione: Il Sole e le tecnologie di ultima generazione

28 February 2022

Corriere Innovazione: Il Sole e le tecnologie di ultima generazione

Un sistema fotovoltaico che si può installare senza bisogno di tecnici in giardino o sul balcone per produrre elettricità in autonomia. Ci stanno provando diverse startup, dall'Austria alla Francia fino all'Olanda, ma anche in Italia sono nate tecnologie in grado di cambiare la corsa verso il solare. La startup austriaca Eet ha realizzato il pannello LightMade con una resa di circa 425 Kwh, quasi un sesto del consumo annuale medio di una famiglia di tre persone. In Francia, invece, è stato inaugurato il tetto fotovoltaico organico (che sostituisce il silicio cristallino con polimeri e altri componenti fotoattivi) più grande al mondo, su una scuola media a La Rochelle in grado di coprire circa il 15% del fabbisogno. A produrlo la tedesca Heliatek. Si tratta di una sottile pellicola solare (HeliaSol) che viene incollata sulle superfici e collegata ai cablaggi preconfigurati per trasformare facciate e tetti in fabbriche di energia pulita. In Italia Glass to Power, quotata su Euronext Parigi pochi giorni fa e nata come spin-off dell'Università Bicocca di Milano, realizza moduli in vetro isolante fotovoltaico che possono essere montati in serie. «Questi vetri - commenta Emilio Sassone Corsi, fondatore e ad dell'azienda -, possono essere installati su qualsiasi tipo di finestra, ma danno il meglio su facciate in vetro continuo perché generano maggiore energia». Secondo diverse ricerche, per rispettare gli obiettivi climatici fissati dall'accordo di Parigi bisognerebbe passare rapidamente a sole, vento e batterie. Questo ci farebbe risparmiare migliaia di miliardi di euro e limiterebbe l'impatto dei rincari dei combustibili fossili. Le istallazioni degli impianti, però, dovrebbero essere massive, come accade, per esempio, in Olanda, paese che utilizza tecnologie come quella di Solar Duck, che realizza piattaforme fotovoltaiche offshore. Uno dei problemi della clean energy è, come noto, l'intermittenza delle fonti. L'energia solare ed eolica dipendono dalle condizioni meteorologiche. Oggi questo deficit è ancora compensato ricorrendo alla produzione di energia da fonti fossili. Ma, tornando nel nostro Paese, sono state sviluppate tecnologie completamente made in Italy come quella di Magaldi Green Energy, che offrono le prime soluzioni al problema: un sistema di stoccaggio che consente di utilizzare energia pulita on demand , in assenza di sole e vento. Si tratta di una tecnologia di accumulo basata su un letto di sabbia fluidizzato anche detto batteria di sabbia. «Fino a oggi in Italia sono installati circa 32 gigawatt tra solare ed eolico - dice Diego Biasi ceo di Quercus real assets, fondo d'investimento in energie rinnovabili -. L'obiettivo è arrivare entro il 2030 a raddoppiare quanto fatto negli ultimi 15 anni. Serve un cambio di marcia che cominci dal ridurre la burocrazia». Dati pubblicati da Terna stimano che siano decine i progetti legati al fotovoltaico e all'eolico ancora «in lista d'attesa»; interventi che condurrebbero il Paese a una transizione energetica completa. «I paesi si sono dati target al 2030-2050 ambiziosi, irraggiungibili con l'attuale contesto legislativo, per questo alcuni governi stanno cercando di rendere più efficienti i processi organizzativi e realizzare velocemente nuove infrastrutture per raggiungere gli obiettivi», conclude Biasi. Sostiene il rapporto The sky' s the limit di Carbon Tracker 2021 che la quantità di luce solare che colpisce la superficie terrestre in un'ora basterebbe a coprire il fabbisogno mondiale di energia per un anno. Inoltre, il costo degli impianti per le rinnovabili si sta progressivamente abbassando. Nel frattempo, si moltiplicano le sperimentazioni di tecnologie per la transizione che cercano di mitigare l'impatto delle risorse fossili: dal carbon capture alla piantumazione di alberi per compensare l'emissione di CO2. Quando sarebbe sufficiente appellarsi al sole che ci illumina ogni giorno.

  • Corriere Innovazione: Il Sole e le tecnologie di ultima generazione

    131.26 Kb - PDF
    Scarica

Press review

Harvard Business Review Italia: Batterie di sabbia per conservare l’energia

30 November 2022

Intervista a Mario Magaldi di Pietro Varvello MARIO MAGALDI È IL PRESIDENTE DELL’OMONIMO GRUPPO FAMILIARE, leader mondiale nella progettazione e produzione di impianti industriali per il trasporto di materiali ad alta temperatura.

Read More

Press review

QN: Indipendenza energetica, i rischi dell'idrogeno verde

30 August 2022

Per l'addio ai fossili, serve integrare tecnologie e politiche per le rinnovabili, a cominciare dall’installazione di grandi impianti solari nel Sud Italia e di eolico offshore, accompagnati dalla creazione di storage hub e decentralizzazione della produzione. La strategia sull’idrogeno non garantirà indipendenza energetica: ecco il perché. 

Read More

Press review

LOGIN: Batterie a sabbia o a metalli liquidi, le soluzioni per risolvere il (grande) problema dello stoccaggio di energia green

02 August 2022

Mgtes (Magaldi Green Thermal Energy Storage) è una tecnologia che consente di accumulare e conservare sotto forma termica l’energia proveniente da fonti rinnovabili.

Read More

Press review

Petrotecnia: Un ejemplo de esta nueva tecnología es el sistema de almacenamiento térmico MGTES de la empresa Magaldi Power

27 June 2022

Un ejemplo de esta nueva tecnología es el sistema de almacenamiento térmico MGTES de la empresa Magaldi Power de origen italiano, la cual ha desarrollado un sistema de almacenamiento de corta y larga duración con un esquema de funcionamiento y operación eficiente y barato, además de contar con todos sus componentes de fácil acceso y cien por ciento reciclables. El viaje STEM® comenzó en 2010 y, en 2012, se puso en marcha un prototipo piloto en las instalaciones de la Fábrica Magaldi en Buccino (Salerno, Italia) y se logró un hito importante en el desarrollo de sistemas de almacenamiento de energía escalables, asequibles y de alto rendimiento.

Read More