TeleAmbiente: Un letto di sabbia per conservare l’energia del sole e del vento con tecnologia made in Italy

07 April 2022

TeleAmbiente: Un letto di sabbia per conservare l’energia del sole e del vento con tecnologia made in Italy

Il brevetto è firmato dalla Magaldi Green energy, una start up italiana fondata sei mesi fa da Letizia Magaldi

L’idea è di quelle che potrebbero cambiare per sempre il mondo dell’energia: container d’acciaio che contengono un letto di sabbia fluidizzato portata a 650 gradi, in cui viene immagazzinata l’energia pulita prodotta da sole e vento. 

Più semplicemente: una tecnologia che permette di immagazzinare l’energia prodotta da fonti rinnovabili così che possa essere utilizzata nei giorni o settimane successive risolvendo uno dei problemi atavici dell’energia prodotta da solare ed eolico: l’intermittenza.

È l’idea alla base del brevetto firmato da MGEMagaldi green energy, fondata dalla campana Letizia Magaldi. Il prodotto si chiama Green thermal energy storage e nel prossimo futuro permetterebbe essere utilizzato in aziende di medie e grandi dimensioni.

Il funzionamento, nel dettaglio, lo ha spiegato la stessa fondatrice al quotidiano La Repubblica“Ogni modulo, come un’enorme batteria, può conservare fino a 50 Mw termici. La potenza riscalda la sabbia che rilascia vapore o calore per usi industriali. Non solo non inquina, ma favorisce la crescita e la diffusione delle fonti rinnovabili”.

 

“Se vogliamo fare a meno di gas, carbone e petrolio – continua Magaldi – dobbiamo avere un deposito di energia termica da redistribuire nel corso della giornata quando sole e vento non sono disponibili. Questa è la grande sfida per superare le fonti convenzionali di energia”.

Al momento l’azienda campana sta lavorando alla costruzione del primo modulo industriale che sarà presto aperto alle visite delle grandi aziende energetiche internazionali.

“Il nostro sistema è fatto al cento per cento con materiali disponibili, come acciaio e sabbia. Poi ci sono le terre rare, dette così perché i materiali si trovano soltanto in alcuni paesi: il cobalto in Australia e Congo, il litio in Cina, Corea e Giappone”, spiega Magaldi.

La sabbia non è l’unico materiale con cui il sistema incamera calore. Vengono, infatti, utilizzati anche cementoalluminio e roccia.

Sempre sul filo dell’accumulo termico, la Magaldi ha sviluppato anche la tecnologia del cosiddetto solare a concentrazione: ancora un volta si tratta di un container con letto di sabbia, ma in questo caso l’energia viene assorbita da specchi. “La stiamo diffondendo nel mondo ma è più di nicchia perché ha bisogno di molto sole e grandi spazi. Forniamo solare a concentrazione con il fotovoltaico in America Latina, Nord America, Messico e paesi del Golfo“, conclude Letizia Magaldi.

Vai alla news

Press review

Stampa Italiana: Magaldi Green Energy, quando l'energia viene dalla sabbia

23 May 2022

L’innovazione è, senza dubbio, l’alleata principale della transizione ecologica. Per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità previsti dal green deal europeo e contribuire così alla decarbonizzazione del nostro Paese e non solo, non bastano interventi sparsi sulle rinnovabili o sul riciclo. È importante anche concentrarsi nella ricerca di nuove forme di energia, soprattutto in questo periodo in cui a causa del conflitto in Ucraina si cerca di ridurre, fino a superare, la dipendenza energetica dal gas russo. Puntare su fonti di energia alternative e soprattutto sulle rinnovabili è senza dubbio la strada principale, superando i possibili punti deboli. Una soluzione viene dalla tecnologia dell’accumulo termico. Un’idea totalmente made in Italy, brevettata dalla startup Magaldi Green Energy (MGE), che permette di stoccare l’energia in eccesso prodotta da un impianto per utilizzarla quando sole e vento scarseggino. Read more here 

Read More

Press review

la Repubblica: Un container di sabbia per conservare l'energia di sole e vento, così diventiamo indipendenti dal gas russo

05 May 2022

Donne impresa è Letizia Magaldi, che guida l'omonima startup dedicata alle rinnovabili nata come costola del gruppo salernitano dell'energia. "Non sono d'accordo sul nucleare: servono sette anni per una centrale e ci sono fonti capace di sostituirlo. Basta la volontà di investire". di Patrizia Capua Immaginare un mondo dotato di una infinita riserva di energia, realizzata con il sistema degli accumuli. E tra questi una tecnologia tutta made in Italy, l'accumulo termico, alimentato da sole e vento. È una delle vie d'uscita dalla dipendenza dal gas russo nello scenario che somma l'emergenza climatica con il drammatico conflitto in corso tra Russia e Ucraina. Potrebbe essere l'elemento chiave per puntare a creare un grande serbatoio fatto al 100 per cento di energie rinnovabili da distribuire quando sole e vento non ci sono. Il brevetto è firmato da MGE, Magaldi Green energy, start up fondata da appena sei mesi da Letizia Magaldi, vicepresidente, che ne segue lo sviluppo. "La guerra ha accelerato l'esigenza di questo passaggio. Siamo i primi in Italia".

Read More

Press review

RAI TV "Play Digital": MGTES, a new technology that helps energy transition

26 April 2022

Watch here the latest episode of Play Digital, RAI TV programme about innovative technologies directed by Maurizio Di Cesare and conducted by Diletta Parlangeli! The team of Play Digital interviewed Raffaello Magaldi, Executive Vice President of Magaldi Green Energy, and Massimiliano Masi, GM of Magaldi Middle East, about the first industrial model of MGTES - Magaldi Green Thermal Energy Storage in Buccino, Salerno.

Read More

Press review

Economy: Energia green con le batterie di sabbia

11 April 2022

Lo consente l’innovativo sistema di stoccaggio MGTES – Magaldi Green Thermal Energy Storage Utilizzare l’energia del vento e del sole anche quando sole e vento non sono disponibili. Lo consente l’innovativo sistema di stoccaggio di energia pulita MGTES – Magaldi Green Thermal Energy Storage che sviluppa una tecnologia di accumulo basata su un letto di sabbia fluidizzato (Energy from the sand) alimentato esclusivamente da energia rinnovabili.  

Read More